Select Page

CORSO PER DATORI DI LAVORO RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE – AZIENDE A RISCHIO BASSO

Obiettivi:

Secondo quanto stabilito dal D. Lgs. n. 81/2008 e dall’Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome per la Formazione dei Lavoratori – DDL n. 221/CSR del 21/12/2011, il corso mira a fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente la funzione di RSPP ai sensidell’art. 34 del D.lgs. 81/2008 ed adempiere agli obblighi previsti dalla normativa prevenzionistica, nonché gli strumenti cognitivi e relazionali utili per una gestione adeguata ed efficace della prevenzione in azienda. Il corso è rivolto alle aziende classificate a rischio basso, quali: alberghi, ristoranti – assicurazioni – immobiliari, informatica – associazioni ricreative, culturali, sportive – servizi domestici – organizzazioni extraterritoriali – commercio ingrosso e dettaglio – attività artigianali non assimilabili alle precedenti – comunicazioni. Il percorso formativo è rivolto a datori di lavoro: l’unico requisito è quello di avere alle proprie dipendenze un lavoratore subordinato.

Durata:

16 ore

Certificazione:

Attestato di frequenza e profitto.

Contenuti:

MODULO 1 : NORMATIVO – GIURIDICO

      • Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
      • Gli organi di vigilanza e le procedure ispettive
      • Soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. n. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità e tutela assicurativa
      • Delega di funzioni
      • La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
      • La “responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica” ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i
      • I sistemi di qualificazione delle imprese e la patente a punti in edilizia
      • Organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze
      • Modalità di organizzazione e di esercizio della funzione di vigilanza delle attività lavorative e in ordine all’adempimento degli obblighi previsti al comma 3 bis dell’art. 18 del D. Lgs. n.81/08
      • Il ruolo del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione e protezione.

      MODULO 2 – GESTIONALE: GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

      • Criteri e strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi
      • Il rischio da stress lavoro-correlato
      • Il rischio ricollegabile alle differenze di genere, età, alla provenienza da altri paesi e alla tipologia contrattuale
      • Il rischio interferenziale e la gestione del rischio nello svolgimento di lavori in appalto
      • Le misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio
      • La considerazione degli infortuni mancati e delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori e dei preposti
      • I dispositivi di protezione individuale
      • La sorveglianza sanitaria.

      MODULO 3 – TECNICO: INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

      • I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione
      • Il rischio da stress lavoro – correlato
      • I rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza ed altri paesi
      • I dispositivi di protezione individuale
      • La sorveglianza sanitaria
      • Descrizione dei rischi per la salute: chimico – cancerogeno; mutageno; amianto; movimentazione manuale dei carichi; movimenti ripetitivi e posture; biologico; microclima; stress; videoterminali
      • Descrizione dei rischi per la sicurezza: elettrico; fulminazione; incendio; gestione emergenze; atmosfere esplosive; ambiente di lavoro; incidenti stradali; macchine e attrezzature; lavori in quota; movimentazione meccanica; radiazioni ottiche artificiali; radiazioni ionizzanti; campi elettromagnetici; rumore; infrasuoni; ultrasuoni; vibrazioni.

      MODULO 4 – RELAZIONALE: FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI

      • Modelli di organizzazione e di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (articolo 30, D.Lgs. n. 81/08)
      • Gestione della documentazione tecnico amministrativa
      • Obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione
      • Competenze relazionali e consapevolezza del ruolo
      • Importanza strategica dell’informazione, della formazione e dell’addestramento quali strumenti di conoscenza della realtà aziendale
      • Tecniche di comunicazione
      • Lavoro di gruppo e gestione dei conflitti
      • Consultazione e partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza
      • Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.